#NONSEISOLA

SOSTEGNO A DISTANZA 📱 IN VIDEOCHIAMATA
SOSTEGNO A DISTANZA

Infertilità: non sottovalutate quanto ci stiamo provando

Quando siamo sedute in una stanza piena di donne incinte o con i loro bambini appena nati o con le loro famiglie sorridenti, non sottovalutate quanto ci stiamo impegnando.
Quanto è difficile per noi sorridere. Quanto è difficile partecipare.
Se solo sapeste quanto ci costa tenere insieme tutti i pezzi del nostro cuore e della nostra mente.
Se solo sapeste, forse non vi chiedereste come mai siamo così silenziose o come mai non possiamo prendere impegni per i prossimi uno, due o tre mesi.

Quando ci svegliamo la mattina e guardiamo i social trovando nuove storie e immagini di gravidanza e test positivi, per favore non sottovalutate quanta fatica stiamo facendo.
È un dispiacere dover smettere di seguire alcuni amici o alcune persone per un po’ di tempo. Siamo realmente felici per loro ma anche molto tristi e frustrate per noi stesse.
Sappiate che ci proviamo costantemente ma c’è un limite entro cui riusciamo ad arrivare.

Quando scopriamo di non essere state invitate ad una festa solo perché non abbiamo ancora dei figli, ci fa sentire invisibili. Invisibili in un mondo di cui non facciamo parte. Facciamo finta che non ci faccia male, che non ci spezzi il cuore non essere incluse nelle feste di compleanno dei vostri figli solo perché pensate che non ne abbiamo voglia. Non sottovalutate quanto è difficile sentirsi dimenticate, ma avere ancora la forza di andare avanti e cercare un posto nel mondo. Incastrate in uno spazio in cui tutti i giorni viene sottolineato quello che ancora non abbiamo.

Quando non possiamo bere o mangiare certe cose. Quando non possiamo programmare una vacanza all’ultimo minuto. Non è perché ci vogliamo far desiderare, ma è perché ci stiamo provando. Non sottovalutate le battaglie quotidiane che affrontiamo. Le battaglie per cui ci nascondiamo dietro ad un sorriso e al silenzio. Ci dispiace se non condividiamo, ma a volte semplicemente fa troppo male. Ci stiamo provando. A vivere in un circolo dove ci sentiamo di fallire eppure cerchiamo di fare sempre meglio.

È estenuante!

Per questo, per favore, non sottovalutate quanto ci stiamo provando!

Non sei un fallimento

Incolpava sempre se stessa.
Non attribuiva mai la causa del suo fallimento alla procedura, alla terapia sbagliata o al caso.
Si sentiva sempre lei un fallimento.
Incolpava il suo corpo, la sua mente, la sua vita.
Si chiedeva ogni volta cosa avrebbe potuto fare di più o farlo meglio.
Si chiedeva se era stato corretto quello che aveva mangiato, quello che aveva bevuto, quello che aveva fatto.
Si era forse stressata troppo?
Aveva esagerato con il movimento?
Fatto qualcosa di sbagliato?
Non ci aveva creduto abbastanza?
Pregato abbastanza?
Era questa una punizione?
A volte le cose falliscono.
Non sempre a causa tua.
TU NON SEI UN FALLIMENTO!

Questo articolo ti è piaciuto? Condividilo!

Share on facebook
Share on email
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *