#NONSEISOLA

SOSTEGNO A DISTANZA 📱 IN VIDEOCHIAMATA
SOSTEGNO A DISTANZA

Adenomiosi e risvolti psicologici

Cos’è

L’adenomiosi è una patologia ginecologica che consiste nella presenza di tessuto endometriale lungo la parete muscolare dell’utero. L’endometrio (tessuto che ricopre l’utero) va ad invadere il tessuto muscolare uterino. Normalmente invece tessuto endometriale e tessuto muscolare sono separati e non si mischiano tra loro. Per questa sua caratteristica viene spesso definita anche come “endometriosi interna”.

Pur non essendo una condizione patologica maligna, le donne affette da adenomiosi possono andare incontro a diversi sintomi fisici e svariate conseguenze psicologiche.

Sintomi

Le difficoltà dal punto di vista sintomatologico sono molto simili alle donne che soffrono di endometriosi. Spesso infatti le due diagnosi coesistono.

I disagi più comuni sono:

  • Dolore durante le mestruazioni
  • Presenza di anomali sanguinamenti uterini
  • Perdite tra un ciclo e l’altro
  • Flusso mestruale molto abbondante
  • Dolore durante o dopo i rapporti sessuali
  • Addome gonfio
  • Difficoltà nel concepimento o infertilità

Conseguenze psicologiche

Sottolineo subito che i risvolti psicologici dell’adenomiosi sono una conseguenza dei sintomi fisici e non la causa.

Le prima difficoltà riguarda la gestione del dolore quotidiano che con il passare del tempo porta una notevole quantità di sofferenza emotiva. Tale sofferenza si esprime in forti emozioni di ansia, preoccupazione, paura, senso di frustrazione, di impotenza, stati depressivi e sensi di colpa. Le emozioni governate dagli ormoni, spesso si presentano come ingestibili, improvvise e incontrollabili.

Altro elemento cruciale dal punto di vista psicologico riguarda la sfera dell’immagine del proprio sé. L’adenomiosi porta ad avere una pancia sempre molto gonfia. Le donne che ne soffrono lamentano di vedere il proprio addome più grosso del normale, tanto da sembrare ai primi mesi di gravidanza. Questo cambiamento fisico crea disagio e vergogna in diversi casi e in svariate occasioni. L’immagine che ognuna di noi ha di se stessa è legata all’idea della propria femminilità. Questa patologia mette in discussione l’immagine fisica e mentale che ogni donna si è costruita nel tempo rispetto alla propria individualità.

Connessa a quest’area troviamo la sfera della maternità. Così come l’endometriosi, anche l’adenomiosi non aiuta a raggiungere una gravidanza in maniera naturale. Le donne si trovano a dover affrontare diverse sfide emotive e psicologiche che le obbliga a rivedere questo concetto.

Infine troviamo una difficoltà che riguarda sia il corpo che la mente: lo stato di stanchezza cronico. È un sintomo spesso lamentato da chi soffre di questa patologia. Da un lato i dolori fisici non favoriscono il riposo, dall’altro la fatica mentale di dover organizzare la vita in funzione della patologia. Tutto questo non aiuta le donne a sentirsi meno stanche.

Non sei sola

“Non ne posso più di vedermi sempre gonfia”, “Odio quando mi chiedono se sono incinta”, “Ormai associo la pancia solo ai dolori e alla fatica”. Questi sono solo alcuni dei pensieri che le donne affette da adenomiosi si trovano a fare. Quello che vorrei dirti se stai leggendo queste righe è che ti capisco. Anche io soffro di adenomiosi e anche io ho pensato queste stesse cose. Non sentirti sola, non sentirti incompresa. Se hai bisogno di sostegno psicologico insieme possiamo percorrere una strada che ti aiuti a ritrovare un po’ di pace con il tuo corpo e con te stessa.

Questo articolo ti è piaciuto? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.