Mastectomia

Il seno è simbolo di femminilità. Con la mastectomia vi è necessità di asportare questa zona. Ma la femminilità non può essere asportata né rimossa, la femminilità è qualcosa che appartiene al mondo interiore di ogni donna!

Cos'è

La mastectomia è l’intervento chirurgico effettuato per asportare una o entrambe le mammelle (mastectomia bilaterale). Nella maggior parte dei casi viene effettuata a causa della presenza di un tumore o per prevenire il rischio di svilupparlo (mastectomia preventiva).

Elaborazione della malattia

Dal momento della diagnosi in poi, la mente è invasa da emozioni, paure e pensieri spaventosi e spesso contrastanti. Trovarsi a fare i conti con una malattia tumorale, di punto in bianco, è certamente un evento traumatico nella vita di una donna.

Si possono attraversare, in momenti differenti, stati d’animo che vanno dall’incredulità al rifiuto, dalla negazione alla rabbia, dalla paura allo sconforto. Non sempre e non subito la mente è pronta e lucida per affrontare terapie ed interventi con equilibrio e stabilità. A livello psicologico si vive un vero e proprio evento traumatico che investe ogni area della vita personale.

Ovviamente l’impatto del vissuto di malattia così come della conseguente operazione è individuale e varia da persona a persona in base alle caratteristiche personali, caratteriali e relazionali che la contraddistinguono.

Risvolti psicologici

Sottoporsi ad un intervento di mastectomia mette di fronte la donna a tre grandi tematiche: la femminilitĂ , la maternitĂ  e la sessualitĂ .

Certamente subire un’operazione al seno, non è come subirla ad una gamba. Il seno è simbolo di seduzione, di nutrimento, di fecondità, di prosperità. Femminilità e maternità vengono toccate e scombussolate nel giro di pochi attimi. La percezione è quella di sradicamento di una parte del proprio corpo e contemporaneamente di una parte del proprio essere. Nonostante le donne sappiano quanto sia importante rimuovere quella parte, la sensazione è comunque quella di aver lasciato andare un pezzo della propria persona. In questa direzione può svilupparsi un senso di inutilità, di perdita e la percezione di avere meno valore rispetto a prima.

Associato a tutto questo, è frequente un vero e proprio cambiamento nell’idea dell’identità corporea. La donna si trova un corpo diverso rispetto all’immagine ideale che ha nella propria mente e questa discrepanza crea una dose notevole di sofferenza. La presenza stessa delle cicatrici che ricordano l’esperienza dell’intervento apporta un importante cambiamento nel corpo che deve essere integrato anche in un cambiamento della propria immagine mentale.

A tutto questo si lega la tematica della sessualitĂ . Dal punto di vista fisico le terapie non aiutano il lato sessuale, dal punto di vista psicologico avere un corpo che non piace, non aiuta a vivere i rapporti in maniera piacevole e serena.

La voce delle donne

“Non riesco a guardarmi allo specchio”, “Mi sento come se fossi stata violentata”, “Perché proprio a me? Proprio adesso? Che cosa ho fatto di male?”, “Non tornerò più quella di prima”, “Ho perso la fiducia in me”.

La malattia e il conseguente intervento chirurgico portano a mettere in discussione il proprio corpo e a come ci si sente dentro di esso. Questi pensieri sono giustificati dall’osservare un corpo che cambia e che viene toccato dall’esterno per poter essere curato. Accettare questi pensieri è parte di un processo più ampio di accettazione e di ricostruzione di sé e della propria storia. L’autostima potrà essere riconquistata un passo alla volta.

Non sei sola

Affrontare una malattia che porta alla mastectomia, anche se solo in forma preventiva, non è sicuramente un processo facile da gestire in solitudine. Posso accompagnarti con un sostegno psicologico durante ogni tappa del percorso che stai affrontando. Obiettivi che possiamo raggiungere insieme riguardano l’elaborazione di tutti gli eventi e vissuti connessi alla malattia, la preparazione mentale all’intervento, la prevenzione di stati depressivi. Potremo comprendere insieme il significato ed il valore di quanto stai vivendo per fare in modo che tu possa nel minor tempo possibile ricominciare a stare bene con te stessa.

Ricorda: puoi tornare ad essere amica del tuo corpo!

Blog